Translate my Blog

giovedì 3 agosto 2017

Handoff: le tecnologie Apple comunicano senza farci fare sforzi.

La user friendly di Apple la conosciamo tutti! Da quando esiste il Mac, infatti, ciò che l'Azienda fondata da Steve Jobs ha fatto meglio non è costruire Computer (che già c'erano) ma macchine con interfacce comprensibili quasi da non richiedere manuali d'istruzioni.

Oggi, che tanti dispositivi sono connessi tra loro, questa filosofia continua a farsi sentire prepotentemente in ogni dispositivo che usiamo, ma lo fa così in silenzio che forse non ci accorgiamo nemmeno della sua presenza.
Anni addietro, Apple lanciò la condivisione dei documenti tra Mac e iPhone / iPad chiamandola Airdrop:







Senza l'uso di App, di password o altro, un Computer e uno Smartphone collegati alla stessa rete Wi-Fi potevano scambiarsi files a patto che fossero in formati compatibili con i rispettivi sistemi (dunque foto, video, pdf...). Ad oggi, è un modo di trasmettere files ancora molto usato, perché fa risparmiare tempo evitando la sincronizzazione via Cloud.

Nelle ultime versioni di Mac OS e iOS, poi, ad Airdrop è stato affiancato un sistema chiamato Handoff, che ha un compito più arduo di scambiare files: quello di farci lavorare con Mac, iPhone / iPad o Apple Watch senza dover continuamente autorizzare un apparecchio a comunicare con gli altri né salvare una sessione di lavoro prima di proseguirla su altri dispositivi né altre operazioni ripetitive che, ancora oggi, su altri Sistemi sono ancora previste.

Ad esempio: pensate di leggere iMessage o una pagina web sul vostro iPhone e di volerli continuare a consultare sul Mac? Handoff, con Safari aperto sul vostro smartphone, di aprire immediatamente il link sul vostro Mac, se acceso e nelle vicinanze del vostro iPhone:





Handoff, che funziona con Wi-Fi (comunicazione con il web in entrata ed uscita) e Bluetooth (comunicazione tra dispositivi nei paraggi) attivi su ogni dispositivo collegato alla vostra rete locale, vi segnalerà la continuità tra App con un'icona che apparirà a sinistra del Finder nel vostro Dock.

Un click e, come un segnalibro dei vostri ebook preferiti, il Mac si sincronizzerà all'istante con l'iPhone / iPad.
E viceversa. Infatti, mentre usate il Mac e accendete lo schermo del vostro iPhone vi è capitato di vedere un'icona a sinistra del lato inferiore del display? È Handoff che vi avvisa che sarà possibile aprire la stessa App sullo smartphone scorrendo semplicemente la schermata di blocco verso l'alto (con il dito posto sull'icona dell'App).



Con le attuali e future versioni di Mac OS, iOS e WatchOS sarà ancora più facile ricevere telefonate / notifiche su un dispositivo e rispondere su un altro senza confermare in nessun modo la vostra identità ogni volta:







E, quando sarete lontani dal Mac, o se questo sarà inattivo, nessun problema: i Sistemi tengono traccia tra loro, silenziosamente, di quali dispositivi sono accessibili sulla rete locale senza richiedervi alcuna connessione ogni volta che li vorrete usare.



Così come, in un ambiente più ristretto (Bluetooth tra auricolari e Smartphone), accade con le vostre Airpods:



le cuffie wireless di Apple si connettono in automatico all'ultimo dispositivo utilizzato (Mac / iPhone / iPad) e mettono in pausa la riproduzione, ancora una volta, senza richiedere menù / pulsanti / autorizzazioni. Semplicemente togliendo un auricolare dall'orecchio o rimettendoli in carica nella loro custodia:





Con il Bluetooth 4.x (Low Energy), Apple ha portato la connessione allo stato dell'arte, nei suoi Sistemi.
Nella stessa rotta di quella che un tempo, anche se solo in modo visuale, era la stessa filosofia: portare agli utenti una tecnologia facile da usare, eppure potente.

mercoledì 2 agosto 2017

Sticky: rendete più divertenti i vostri iMessage.

Da quando Apple ha introdotto Messaggi, il suo servizio di messaggistica istantanea concorrente di WhatsApp / Telegram / etc etc..., e annunciato il supporto agli stickers virtuali, centinaia di sviluppatori hanno disegnato pagine e pagine di vignette simpatiche coi personaggi dei cartoon e dei fumetti più famosi e già disponibili in chat di diversi social.

Grazie a Sticky potrete creare voi stessi gli stickers da inviare via iMessage!



Menù scorrevole 1: accesso alla galleria degli stickers creati.
Menù scorrevole 2: accesso al Rullino dell'iPhone per modificare uno scatto.


Scegliete una foto (Sticky apre l'Album Selfie di default) o scattatevela.
L'AI di Sticky ritaglierà in automatico le figure rilevate, anche  se la foto sarà complessa:



Aggiungete una vignetta colorata e, se preferite, un contorno bianco alla figura.
Toccando la foto, invece, avrete a disposizione qualche filtro:



Dal menù Esporta, in basso a destra, scegliete dove pubblicare lo stickers o se salvarlo in Foto.


Nota: gli stickers salvati in Foto riporteranno la dicitura Sticky per non essere confusi coi vostri scatti statici e le Live Photos.


Per rendere più simpatica una conversazione di iMessage rispondete con del testo:


E inviate.



Ora selezionate gli stickers dall'icona in fianco alla fotocamera e avrete subito a disposizione gli stickers creati con Sticky.



Selezionate quello che più v'interessa e portatelo verso il contorno del fumetto a cui allegarlo, possibilmente senza coprire le parole:



Rilasciate il dito e lo stickers sarà inviato.


martedì 1 agosto 2017

Speechless: per quelli che non amano i messaggi vocali di WhatsApp.

Se ogni giorno ricevere numerosi messaggi vocali via WhatsApp


e sognate di poterli tradurre o di non trascriverli con così tanta pazienza, è stato sviluppato Speechless.

L'App permette di selezionare un messaggio in una conversazione di WhatsApp:



E, tramite la funzione Esporta, selezionare l'opzione Speechless:



L'App copierà il messaggio e, dopo avervi chiesto in quale lingua tradurlo, 



Elaborerà il testo in qualche istante:



Purtroppo, la versione gratuita di Speechless traduce solo i primi 15 secondi di ogni messaggio selezionato.
La versione completa, che traduce fino a 5 minuti, attualmente costa 2,99€.



Una volta copiato il testo nel box, potrete incollarlo in una nota o in altre conversazioni di testo.

Gboard - nuove funzioni.

Google prosegue il potenziamento della sua tastiera predittiva alternativa a quella di iOS affiancando alla ricerca nel proprio motore di ricerca quella in YouTube: 



E Google Maps:


In particolare, oltre a poter condividere la propria posizione, si può inserire un luogo e trasmettere le info al proprio destinatario (GBoard funziona in iMessage, nelle App di Mail e in quelle social, etc etc...).
Sicuramente vi farà risparmiare tempo se state programmando un viaggio:













Nella tastiera delle emoji, invece, è stato introdotto un pad per disegnare:


Si potrà scegliere colore e dimensione del tratto, tramite una barra di selezione:

È disponibile anche la funzione "annulla ultimo tratto".
Il nuovo menù di disegno sarà utile a chi non vorrà usare Note o altre App per inviare uno scarabocchio a qualcuno.



giovedì 29 giugno 2017

Primi passi col FastGate, il nuovo modem di Fastweb.

Grazie ad un prezzo molto vantaggioso, gli utenti Fastweb possono avere il nuovo modem super-veloce FastGate a casa in un paio di giorni lavorativi dall'ordine e navigare più velocemente rispetto ai precedenti modem grazie al riposizionamento delle 6 antenne che manterranno più stabile la vostra linea wireless casalinga. Infatti, la combinazione di canali / frequenze 802.11n 2x2@2,4GH e 802.11ac 4x4@5GHz vi permetteranno di sfruttare al meglio Mac e iPhone / iPad più recenti dotati proprio di antenne analoghe.

Una volta inserito il cavo DSL dalla vostra presa telefonica e il cavo dell'alimentazione, collegate i dischi rigidi in vostro possesso via Ethernet e tutti gli altri apparecchi: che siano strumenti di videosorveglianza o di automazione della casa.




Accendete l'apparecchio e attendete che la luce sul modem sia bianca fissa. Nel caso, scrivete al supporto online Fastweb e prenotate una chiamata in pochi minuti.

Se disponete di precedenti reti locali, disabilitatele. O semplicemente accedere alla rete del nuovo modem e inserite la password (riportata dietro di esso).


Se possedete dischi wireless Apple dovrete configurarli come segue attraverso Utility Airport.



Ogni base in vostro possesso va così configurata e riavvata per funzionare correttamente:



Nel pannello "Base Airport" inserite un nome e una password, poi proseguite così:








Non serve avere una rete abilitata per ogni disco collegato in quanto non riuscireste a farle comunicare tra loro.
Invece, essendo il nuovo modem FastGate sicuro perché dotato dei moderni protocolli di protezione, è sufficiente creare una rete wireless a partire da esso.



Se possedete anche dischi Ethernet non-Apple collegateli pure alle prese del modem e questi saranno caricati correttamente dal Finder del vostro Mac.



E, se possedete una stampate wireless, usate le impostazioni sul display dell'apparecchio per collegarla alla vostra nuova rete Fastweb:



Se l'installazione guidata non funziona, premete il tasto WPS del modem:


E lanciate la configurazione da tasto WPS della vostra stampante.



All'indirizzo:


Potrete impostare alcune regole, come il parental control o il canale preferito di trasmissione dati sulla vostra rete casalinga.

Oppure impostare i dispositivi di famiglia, ai quali concedere una priorità sulla banda disponibile:




Da qualche test di velocità, il nuovo modem si comporta davvero bene:







Non è facile trovare siti diversi che sono più o meno d'accordo sulla velocità rilevata.

10 anni fa la presentazione del primo iPhone.





C'erano i computer.

Ed Apple li produceva meglio e più sicuri di tutti.


Si lanciò nel campo dei Telefoni Cellulari, che già esistevano, e dei Computer Palmari, che spopolavano, e produsse il primo Telefonino con Sistema Operativo Mac.




Da allora, per quanto sia facile dire: «Apple ha copiato questo o quello», ciò che è sicuro è che, quando si lancia in un nuovo business, Apple fa analizzare dai suoi Team quello che il mercato offre, e lo ridisegna con un'interfaccia utente più facile da usare e un design più minimale.

La "magia" che si crea alla vista del prodotto e al contatto coi materiali con cui è costruito, insieme allo stile d'uso del Sistema, da sempre rappresenta il successo di ogni prodotto Apple.




Auguri all'iPhone, il Personal Assistant che da tempo consideriamo uno di famiglia.


mercoledì 21 giugno 2017

iOS 11 - Il machine learning.

Per quanto mi riguarda, sarà una delle novità più apprezzate degli ultimi iOS.

Il machine learning, citato in conclusione del mio lungo articolo con le novità più rilevanti per l’uso quotidiano “medio” di iOS 11, rappresenta la VERA faccia di Apple: un’Azienda che sa innovare ancora, anche senza il compianto Steve Jobs, con prodotti e servizi che effettuano operazioni molto complicate senza richiederci nessuno sforzo né conoscenza tecnica in particolare (il Mac, da sempre, è famoso perché user-friendly).

Tra le varie aree d’interesse del team Apple che sviluppa il machine learning c’è la tastiera di iOS 11.
Se, al principio della telefonia mobile di massa, ci furono i Nokia a introdurre il dizionario di stesura testi veloce T9 e, in seguito, Apple aggiunse la barra predittiva nella tastiera:

 

Ora vedremo in azione l’intelligenza artificiale impiegata in campo mobile per aiutarci a predire meglio le nostre richieste.



Ecco un esempio pratico:

 


 

 

 

Dopo una giornata al lago di Iseo per un evento serale dedicato all’anniversario della famosa opera di Christo, la passerella The Floating Pears, mi accingo a pubblicare alcuni scatti sui social e portali per i quali collaboro con le mie foto.
Si rende necessario, per completezza del mio passatempo, aggiungere una didascalia agli scatti.


Inizio a scrivere:

 

Terminata la frase, passo alla didascalia della foto successiva. E la tastiera mi propone il termine:


iOS 11 analizza il testo inserito e studia il nostro contesto man mano scriviamo. Riproponendo, secondo la grammatica della frase, le parole che abbiamo inserito in precedenza.



 

E non mi riferisco ad una sola parola per volta: questo, infatti, è il compito della tastiera predittiva di iOS 10.
Se non ho completato la mia frase, la posso riprendere per aggiungere altri termini e iOS 11 proseguirà ad elaborare le successive predizioni.

 

Come anticipato sopra, iOS 11 sarà in grado di analizzare intere frasi. E, laddove dovremo riscrivere più volte le stesse parole, faremo sicuramente a meno del copia-incolla.
Perché, i termini più usati e pertinenti, appariranno subito nelle predizioni.



Il machine learning applicato alla tastiera di iOS 11 porterà più libertà di personalizzazione del dizionario integrato di iPhone e iPad e, allo stesso tempo, farà felici, dopo anni, molto utenti scontenti degli attuali errori di battitura.